“Crêuza de mä” di Fabrizio De Andrè.1984.

C’è un punto della penisola italiana in cui gli Appennini si riversano nel mare quasi a voler conquistar le onde del mar Mediterraneo. Questi monti, che ricordano più alte colline, creano valli percorse da torrenti o fiumi che scorrono su grossi ciottoli. La scogliera che finisce in mare è un paesaggio comune, quando ci troviamo in Liguria.

In questa regione dalle origini antiche e virtuose, l’uomo si è unito al territorio. Una regione dolce, con la terra fertile e il sole caldo, e terribile, quando le nubi minacciose si svuotano sulle alture. Genova, la capitale politica e culturale di questa regione, è stata per un momento regina del grande Mar Mediterraneo, fonte di ricchezze e di pericoli. In città come nei paesini, l’uomo ha dovuto lottare con la montagna, costruendo vie di collegamento lungo la spina dorsale degli ammassi di roccia. La piccola viuzza, che sembra più mulattiera, è la famosa crêuza.

Anche senza essere liguri, conosciamo questa parola perchè è anche il titolo della canzone del 1984 scritta da Fabrizio De Andrè. Il dialetto genovese è per la maggior parte di noi poco comprensibile, ma il fascino di questa lingua di mercanti, di carpentieri e di uomini di mare colpisce nel profondo. La canzone parla infatti del mare e del viaggio, due componenti indissolubili che legano la città con il territorio circostante. Proprio questa attività ha delineato il carattere multietnico di Genova, e per questa ragione sentiamo richiami in lingua africana nel corso della canzone, ma anche suoni registrati al mercato del pesce locale.

Il legame tra la terra e il mare lo dà la Crêuza de mä, che si crea quando il mare è mosso, tra un’onda e un’altra. Nel viottolo immaginario che si crea tra i flutti, passano attraverso le paure, le emozioni e la fortuna di tutto un popolo. E non c’era modo migliore di condensare in una singola canzone l’anima di questa grande città, la Zena di De Andrè.

Annunci

10 commenti su ““Crêuza de mä” di Fabrizio De Andrè.1984.

  1. ludmillarte ha detto:

    deliziosa e superba, come genova. grazie 🙂

  2. marco ha detto:

    Da genovese, apprezzo particolarmente quello che hai scritto e lo hai scritto bene : )) La canzone di De Andrè è molto bella, se ascolti il finale dell’ultima traccia del disco “Da a me riva”, molto più malinconica e toccante, potrai sentire le onde del nostro mare : )

  3. saurosecci ha detto:

    Bellissima e mirabile descrizione di quello che considero uno tra i più belli capolavori di Fabrizio

  4. sherazade ha detto:

    Mancavo da un po’ ma rientrare ed essere avvolta da quest’atmosfera di magia, Grazie!

    sherazadesenzapaole

  5. annalisa1988m ha detto:

    Bellissimo il modo in cui descrivi la mia Genova…. a questo punto devi fare una passeggiata in via del Campo, ora dedicata ai cantautori genovesi…. 🙂

  6. kikimika ha detto:

    Davvero bello questo articolo…
    adoro questa canzone, musicale e dolce come le onde del nostro mare…

  7. Bastet ha detto:

    Reblogged this on Bastet and Sekhmet and commented:
    Un blog da contemplare…Genova la bella…Fabrizio De Andrè suo migliore poeta nel secolo scorso.

  8. zebachetti ha detto:

    una canzone che adoro buonanotte

  9. lyscape ha detto:

    fantastica la canzone, indescrivibile Lui.
    ly

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...